Rosàlia e la melanzana di Rotonda: due rarità del Pollino

filastrocca per melanzane di Rotonda ripiene di zucchine e orzo allo zafferano
Melanzana di Rotonda, disegno di Pierluigi Lomonte

Rosàlia e la melanzana di Rotonda, una filastrocca

D'azzurro è la mia livrea appariscente
e per l'aria pura gironzolo elegante,
tra altri coleotteri il più raro e bello
così ospite son del Monte di Apollo.

Rosàlia Alpina da tutti vengo chiamata
filastrocca per melanzane di Rotonda ripiene di zucchine e orzo allo zafferano
Rosàlia Alpina, coleottero. Disegno di Pierluigi Lomonte









e su zio Peppe mi vedrai ancor adagiata,
le sue antiche ossa d'argento mi fan da tana
mentre i Pini Loricati frusciano la mia fama.

Tra i guerrieri di questo giardino troverai
una rossa delizia che non hai visto mai:
del Pollino è la prelibatezza più feconda
andiamo a gustar la Melanzana di Rotonda!








filastrocca per melanzane di Rotonda ripiene di zucchine e orzo allo zafferano
Melanzana di Rotonda e Pollino. Foto di Raffaele Cutolo 

Io sono una melanzana speciale, perché sono l'unica melanzana rossa! Al contrario di tutte le altre melanzane mie cugine, io ho una polpa carnosa che non annerisce quando la tagli. Sono unica in Italia e mi trovi solo a Rotonda, paese nel cuore del Parco del Pollino, dove sono arrivata nel 1896 nelle tasche di un soldato che era andato a combattere in Etiopia. Se mi mangi avrai tanta energia, purificherai l'intestino, aiutandoti a fare la cacca e tanta pipì. Grazie a me curerai anche l'anemia e avrai tanta energia per giocare. 


Il Parco nazionale del Pollino si estende sui territori compresi tra le province di Potenza, Matera e Cosenza. E' il parco naturale più grande d'Italia e prende il nome dal Massiccio del Pollino, che significa "Monte di Apollo"

Il pino loricato è uno degli ospiti speciali del Parco Nazionale del Pollino. Quest'albero si chiama "loricato" perché la sua particolare corteccia somiglia alle "loriche" (sono le corazze dei legionari romani, che coprivano il petto e l'addome dei soldati).
Sui monti del Pollino, esiste un luogo magico chiamato "Giardino degli Dei". E’ un luogo speciale e di bellezza indescrivibile che si trova su un monte chiamato Serra di Crispo. Qui, da tempi immemorabili, vive una comunità di pini loricati. 

filastrocca per melanzane di Rotonda ripiene di zucchine e orzo allo zafferano
Pino loricato. Disegno di Pierluigi Lomonte

Tra i crinali di Serra delle Ciavole e Serra di Crispo, ci sono i resti ancora imponenti e fieri di 
Zi Peppe (1950m) vecchissimo pino loricato. Questa grande pianta fu bruciata da qualche uomo cattivo, ma, anche se morta, resiste pietrificata dalla resina ed è divenuta il logo del Parco nazionale del Pollino. 

filastrocca per melanzane di Rotonda ripiene di zucchine e orzo allo zafferano
Zi' Peppe, il più antico pino loricato. Disegno di Pierluigi Lomonte
E ora pronto a cucinare un ottimo piatto i cui ingredienti derivano da questo mondo incantato?
Ecco come devi preparare i tuoi GUERRIERI DI MELANZANA ROSSA DI ROTONDA ABBUFFATI DI ZUCCHINE E ORZO ALLO ZAFFERANO:

Carta di Identità della Ricetta
DIFFICOLTÀ: media
PER QUANTE PERSONE: 4 persone
COSTO: basso
TEMPO DI PREPARAZIONE: 1 ora
NOTE: 60 minuti + il tempo per la preparazione del brodo vegetale

Materiale Occorrente
Pentola per il brodo vegetale
Casseruola per la preparazione dell’orzo
Padella per rosolare le zucchine e polpa di melanzane rosse
Pentola per sbollentare l'involucro delle melanzane rosse
Tagliere e coltelli per la preparazione delle zucchine e delle melanzane
Mestoli in legno ed acciaio

Ingredienti 
8 melanzane rosse di Rotonda 
150 g di parmigiano
1 litro di brodo vegetale
4 cucchiai di olio extravergine d'oliva
100 g di orzo perlato
200 g di zucchine
q.b. di pepe
1 ciuffetto di prezzemolo
q.b. di sale
3 cucchiaini di curcuma
5 cucchiai di vino bianco


1. Prepara il brodo vegetale, facendo bollire 1 litro d'acqua salata con una carota, una zucchina e una patata

2. Dopo aver lavato, asciugato le melanzane e tolto il picciolo, scava la polpa con un coltellino da cucina.

3. Fai sbollentare per qualche minuto la corteccia svuotata

4. Prendi la polpa e fai piccoli tocchettini

5. Lava e taglia in piccoli pezzi le zucchine

6. Prendi la polpa delle melanzane ben tagliuzzata e fai rosolare in padella con olio extravergine, sale e pepe e due cucchiaini di curcuma

7. Dopo 2-3 minuti aggiungi i pezzettini di zucchine

8. Quando è tutto ben rosolato,  aggiungi l'orzo e lascialo tostare alcuni minuti, sfumandolo col vino bianco. Poi aggiungi un cucchiaino di curcuma e mescola bene.

9. A questo punto, devi idratare gradatamente l’orzo, versando uno o due mestoli di brodo caldo per volta.

10. Dopo circa 30 minuti, che è la cottura ottimale dell’orzo perlato,  unisci la tazza di zafferano all'orzo e continua a mescolare finché si è assorbito quasi tutto. Ora puoi spegnere il fuoco del fornello.

11. Versa il composto in una  scodella, aggiungi il prezzemolo ben tritato, il parmigiano, e , infine rimescola il tutto.

12. Ora prendi le cortecce/involucri delle melanzane rosse, riempile dell'orzo con zucchine, polpa e zafferano. Coprile con il cappelletto, ottenuto dalla parte del picciolo, e adagiale in una pirofila con olio extravergine. Metti tutto nel forno a 180° per 5 minuti...


Post più popolari